Porte colorate di Dublino, vivido irlandese

di
Porte colorate di Dublino

Porte colorate di Dublino

Nella pioggia che le bagna di traverso, le porte colorate di Dublino brillano di più. Infinite gocce di cielo ne solcano il legno secolare sino a scendere i gradini che ogni giorno la gente sale per aprire questo simbolo della capitale irlandese.

Le incontro ovunque, sparse per la città: belle ed eleganti, dai colori vividi, attraggono attenzione frammista a invidia. Alcune di loro vantano lunette a ventaglio, raschietti in ferro battuto ed elaborati battenti.

Ninnoli preziosi che ne aumentano il valore, e raccontano la storia delle porte colorate di Dublino. Una storia iniziata col forte sviluppo delle capitale irlandese nel periodo georgiano quando da centro provinciale diventa la seconda città dell’Impero britannico.

In quegli anni, che vanno dal 1720 e il 1840, ricchi benestanti cominciano a costruire eleganti palazzi, prima a nord e poi a sud del fiume Liffey. Mentre gli interni degli edifici sono sfarzosi e diversi, gli esterni risultano tutti uguali. A cominciare dagli ingressi.

Leggenda vuole che i primi a cambiare queste monotona monocromia siano stati due litigiosi scrittori. Pare proprio che sia a loro che si debba la moda diventata perenne delle porte colorate di Dublino.

All’inizio del Novecento, tali (e qui noti) George Moore e Oliver St John Gogarty vivevano in due palazzi adiacenti su Ely Place, vicino a Merrion Square – la famosa piazza nel sud della città.

Sembra che Moore – stanco di essere svegliato di notte dal vicino – abbia fatto verniciare la propria porta di un verde vivido per evitare che Gogarty continuasse a scambiarla per la sua.

Ubriaco fradicio, dopo ore passate a sgolare Guinness ai pub, non era in grado di distinguere gli ingressi. Accortosi dell’accaduto durante un infausto momento di sobrietà, Gogarty decise di fare lo stesso: e dipinse il suo ingresso di rosso.

Se la storia sia vera o no, qui poco importa. Un po’ alla volta le abitazioni georgiane hanno iniziato a vantare ingressi variegati. E ancora oggi le case colorate di Dublino sono una prerogativa della città che la pioggia bagna di traverso, facendole brillare.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Porte colorate di Dublino, vivido irlandese"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...